Questo dunque l'imponente palazzo in cui per tutta la vita avevo desiderato entrare! tutto cos morto! E una voce mi dice:
L'arte che tu sogni sempre morta. i palazzi non hanno vita. Vivono gli alberi - gli animali - ma i palazzi non vivono.
E io rispondo: Se cos, voglio la morte.
S sento rispondere, ma non so da chi.
Io volevo la calma - la pace grido selvaggiamente, pieno di orrore.
La calma sento rispondere l'avrai, ma non essere cos impaziente!

E sapevo cosa volevo - io volevo la pace - senza gioia - la via verso l'infinito.
Il palazzo morto tremava - tremava!

[< indietro]


Louis Kahn, Indian Institute of Management, Ahmedabad, 1962-74 (I dormitori)